Ristorante eco-responsabile: cos’è?

ristorante eco responsabile

Ristorante eco-responsabile: cos’è?

Negli ultimi tempi si è fatto largo un nuovo modo di pensare e fare ristorazione, più solidale e attento alle criticità ambientali della nostra epoca: stiamo parlando dei ristoranti eco-responsabili.

Si tratta di ristoranti che si pongono come obiettivo quello di raggiungere un buon fatturato, facendo pesare il meno possibile la loro attività sull’ambiente, assumendosi la responsabilità del proprio impatto sociale e ambientale.

Si tratta di un tipo di ristorazione che mette in pratica procedure e tecnologie innovative e alternative, per incrementare le prestazioni ambientali dell’impresa e ridurne i costi fissi di gestione, offrendo un servizio a un prezzo più basso e quindi concorrenziale.

Per essere definito eco-responsabile, il ristorante deve applicare alcune misure per ridurre le proprie emissioni e favorire un consumo sostenibile: ecco alcuni passaggi fondamentali per rendere un ristorante eco-responsabile.

1. Proponi piatti di stagione e prodotti a km 0

Crea dei menù con piatti di stagione utilizzando prodotti locali, freschi di giornata e acquistati presso fornitori che garantiscono prodotti a chilometro zero.
Assicurati inoltre che questi fornitori siano davvero sostenibili: cioè se partecipano al commercio solidale, se utilizzano materiali biodegradabili per i confezionamenti e come gestiscono le consegne per ridurre le emissioni di carburante.

2. Mai esagerare con le proposte nel menù

Quando decidi il menù, è meglio proporre poche portate e pochi ingredienti. È infatti molto difficile riuscire a gestire un’attività cercando di restare il più sostenibili possibile. Se si cerca di proporre troppe - e ricche - portate si rischia di non riuscire a scegliere sempre prodotti freschi e a basso impatto o di aumentare gli sprechi con prodotti non venduti.

3. Limita al massimo gli sprechi di cibo

È importante adottare un sistema per ridurre al massimo - o eliminare - gli sprechi di cibo:

  • Regala gli alimenti rimasti invenduti a fine giornata: esistono aziende e associazioni cui associarsi che distribuiscono alimenti e app che mettono in contatto chi ha cibo da dar via con chi è disposto a prenderlo.
  • Mantieni sempre un attento controllo sulle scorte in magazzino e sulle date di scadenza per evitare di avere cibo in eccesso o alimenti scaduti che dovrai buttare.
  • Non esagerare nelle porzioni: scegli la quantità adatta al consumo reale dei clienti che, in questo modo, non lasceranno cibo nel piatto (che poi sarà da buttare!).

4. Installa attrezzature eco-energetiche

Probabilmente richiedono un po’ di investimenti, ma dotarsi di impianti di illuminazione, climatizzazione, aerazione e di cottura a consumo ridotto può rivelarsi una scelta vantaggioso non solo per l’ambiente ma anche in bolletta.

5. Utilizza oggetti sostenibili: posate, mobili, elettrodomestici, utensili

Scegli bicchieri, posate, cannucce, stoviglie e mobilio realizzati con materiali riciclati o composti da materiali più ecologici per evitare al massimo la plastica e la schiuma di polistirene.

Per ridurre la plastica, puoi anche utilizzare come metodo di confezionamento i sacchetti di tessuto. I tessuti naturali come canapa, juta e cotone sono infatti molto resistenti e possono quindi essere utilizzati per abbellire la tavola o come confezione per gli alimenti: ad esempio per apparecchiare la tavola puoi utilizzare dei porta pane in tessuto in fibra di cotone, un tessuto che può essere lavato più volte eliminando le alternative in plastica usa e getta.

Oppure puoi confezionare i condimenti in graziosi sacchetti di tessuto: per l’olio utilizza dei sacchetti porta bottiglia in juta che possono essere anche personalizzati con il logo del tuo ristorante. O ancora puoi presentare sale, pepe e aceto a tavola in un apposito sacchetto di cotone ecologico naturale, che puoi riutilizzare non solo per i barattoli da spezie, ma anche per proteggere le confezioni di caffè e tè.

Per Approfondire: 5 spunti per apparecchiare la tavola

6. Dai il giusto spazio al riciclaggio

Predisponi delle aree all’interno del locale per gestire la raccolta di rifiuti in modo appropriato: sia in bagno, che in cucina e in un angolo del locale. Predisponi dei contenitori e dei cartelli con istruzioni chiare per la raccolta differenziata, in modo da aiutare i clienti e i tuoi dipendenti a riciclare nel modo giusto.
In ultimo, installa dei dispositivi per il risparmio dell'acqua, toilette a scarico d'acqua economico e sistemi di filtraggio per non servire l'acqua in bottiglia, ma alla spina.