Abbiamo scelto di Produrre Mascherine Filtranti in Tessuto

mascherina filtrante tessuto

Mascherine filtranti di protezione in tessuto: una storia di prodotto ai tempi del Covid-19

In seguito all'emergenza Covid-19 anche noi abbiamo deciso di fare la nostra parte e convertire temporaneamente un’area della nostra attività normalmente dedicata alla realizzazione di sacchetti di tessuto, alla produzione di mascherine filtranti di protezione in cotone naturale doppio strato, interamente Made in Italy, lavabili e ipoallergeniche.

Nel video che segue abbiamo raccontato la nostra storia ad una TV locale, spiegando le nostre motivazioni e la nostra necessità di aiutare e sostenere il territorio in cui ci troviamo.

L’esigenza emersa in queste settimane

Viviamo in un periodo particolare e l’emergenza Covid-19 ha richiesto interventi restrittivi pesanti per tutta la nazione: distanziamento sociale, quarantena e chiusura di tutte le attività e produzioni non essenziali. Ognuno di noi è chiamato a fare la sua parte, ad essere responsabile e a restare a casa. Con l’aumento vertiginoso dei casi di contagio e in seguito all’adozione delle misure di contenimento, però, sul mercato hanno iniziato a scarseggiare le mascherine protettive personali e parallelamente molte attività, compresa la nostra, hanno dovuto chiudere seguendo le disposizioni del Governo.

La sfida che ci siamo trovati ad affrontare

Nel giro di pochi giorni, come tante aziende che non rientrano nei servizi essenziali, ci siamo ritrovati nella situazione di dover fermare completamente la produzione che per anni è stata l’orgoglio del nostro brand. A ciò si è aggiunto il problema della distribuzione: a causa del virus le modalità di consegna sono più lente ed è complicato effettuare consegne ad ampio raggio.

La nostra risposta

Abbiamo deciso di non fermarci del tutto, perché vogliamo fare la nostra parte in questa emergenza così grave e mettere a disposizione della collettività le nostre competenze. Grazie alla lunga esperienza maturata nel settore tessile, alle nostre risorse e attrezzature, siamo riusciti a mettere a disposizione, per chiunque le voglia acquistare, mascherine protettive di tessuto, modello conchiglia.
Sono mascherine filtranti doppio strato di cotone naturale ecologico certificato OEKO-TEX®, ecosostenibile al 100%. Sono ad uso esclusivo della collettività per protezione personale ma, ci teniamo a chiarirlo, non adatte per uso sanitario o sui luoghi di lavoro.

Sono in tessuto di cotone di altissima qualità e quindi facili da lavare a mano o in lavatrice e riutilizzabili più volte. Rispetto alle mascherine in tessuto non tessuto usa e getta, che si acquistano normalmente in farmacia, sono dunque più ecologiche. Inoltre sono molto coprenti perché fasciano naso, bocca e guance. Per indossarle basta far passare il laccio superiore sopra le orecchie ed il laccio inferiore all'altezza del collo.

Immagine di modella che indossa la nostra mascherina in tessuto filtrante

Immagine di modella che indossa la nostra mascherina in tessuto filtrante

La loro particolarità sta nel tipo di tessuto con cui sono realizzate e nella lavorazione.
Infatti, sono in cotone naturale doppio strato molto serrato e il lembo esterno è in cotone idrorepellente, quindi filtra il passaggio microbico e quello delle goccioline di saliva espulse parlando, starnutendo e tossendo.

Le nostre mascherine in cotone sono completamente anallergiche e si possono lavare molte volte: a bagno con acqua e varechina, in lavatrice fino a 90° oppure si possono bollire. Abbiamo deciso di venderle in kit preconfezionati al prezzo di costo che provvediamo a distribuire noi stessi.

Chiariamo però che non possiamo garantire l'idoneità a evitare contagi da infezioni batteriche o virali. Infatti, la produzione è in conformità alla circolare del Ministero della Salute (0003572-P-18/03/2020) che introduce, in riferimento all’articolo 16, comma 2, del D.L. 17 marzo 2020, n.18, la possibilità di utilizzo di mascherine di tipo filtranti. Quindi non sono FFP2 e FFP3 e non costituiscono presidio medico-chirurgico. Non sono consone dunque per uso sanitario o sui luoghi di lavoro, ma solo per uso esclusivo della collettività.